Circolo Arti Figurative Empoli


Vai ai contenuti

Biografia Adriano Pannini



Biografia di Adriano Pannini




Passato del tempo da allora quando ti ho connosciuto e disegnavi e ridisegnavi un Pinocchio e dei birili di legno.
Frammenti di una infanzia ripercorsa a fatica.
Il fatto che, ad un certo punto della vita, e con la pittura e con le matite, hai cominciato a volgere lo sguardo all'indietro, con una capriola. Viaggiarsi dentro.
Come a Natale, in Gargozzi, su quella sedia davanti all'albero, a guardarlo, con quei colori, con le caramelle, i cavallucci ed i mandarini, appesi.
O quando nella vallata inondata di sole, arrivavi e ti si prospettava davanti quella pergola, che oggi, nel ricordo, prende i colori della tua fantasia.
Tutto sembra che il tempo prendesse un attimo respiro.
E poi il nonno, ti guarda con tenerezza e ti guida, anche se sa che a guidarlo sei tu verso l'infanzia della sua vecchiezza. Ora, come se tu fossi lui.
Ipercromatica pittura, pitturata bene fra le pieghe della tua pigrizia. Scontornata col neroblu delle curvilinee a ridisegnare i bordi di quel che riporti al presente.
E' come se tutto questo dipingere che ti vedo fare sia un punto d'incontro tra quello che sei stato e quello che ti aspetti dal mondo.
Dove a combattere le guerre siano solo i silenzi degli eroi rammentati dai libri di scuola. Dove, una deposizione dalla croce ha ancora un senso.




Tommaso Tommasi







Torna ai contenuti | Torna al menu